Condividi

Come diventare un esperto di vini: piccola introduzione all’universo enologico

Vi piacerebbe diventare un esperto di vini ma non sapete da dove cominciare? Non siate intimoriti perché apprendere gli affascinanti segreti del mondo del vino non è un’impresa impossibile! O meglio, non è così difficile riuscire ad orientarsi tra le mille sfaccettature che fanno parte di un ambito così complesso.

 

Il primo requisito fondamentale è la passione. Essere appassionati di vino e vivere questo percorso come una sfida stimolante, non come un impegno, vi aiuterà a trovare la concentrazione necessaria per acquisire una buona conoscenza dell’universo enologico. Se non altro, da qualche parte dovrete pur iniziare. E così, come per chi sceglie di studiare una lingua straniera anche in questo caso è meglio partire dall’ABC.

 

Esordite ampliando il vostro vocabolario, conoscere i termini utili per descrivere un vino vi darà la capacità di parlare in maniera più accurata dei suoi sapori e caratteristiche.

 

Traducete la vostra sete di conoscenza in voglia di accettare costantemente nuove proposte, cominciate dai vostri vini preferiti e degustateli sapientemente. Osservate il vino, annusatelo e infine gustatelo.

 

Esaminatene i caratteri organolettici nella loro complessità così da acquisire gradualmente la capacità di identificare sempre più sfumature. Ogni vino – Chardonnay, Insolia, Grillo, Nerello Mascalese, Nero d’Avola, Merlot, etc. – vi regalerà un’emozione nuova, diversa da tutte le altre.

 

Cambiate varietà e annata. Scoprite di più, non soffermatevi esclusivamente sui vini che preferite. Man mano che prenderete confidenza provate ad espandere il vostro palato degustando vini più complessi, multidimensionali, che presentano una vasta gamma di sfumature olfattive e gusti in perfetto equilibrio tra loro. Questi richiederanno un’analisi più profonda, attenta e ripetuta.

 

Mettete quindi da parte la complessità e provate anche la finezza e l’equilibrio dei vini eleganti. In questi, riuscirete a distinguere e apprezzare l’intera gamma di aromi in perfetta armonia tra loro. Non saziatevi mai di conoscenza, continuate a esplorare.

 

Apprezzate anche la dimensione più conviviale di questa bellissima passione e inseritevi nell’ambiente. Frequentate le serate di degustazione – organizzate presso ristoranti, enoteche, cantine, etc. – oppure unitevi a gruppi di appassionati, avrete la possibilità di incontrare altre persone che come voi condividono questo interesse e con le quali potrete scambiare pareri e consigli. Esistono anche diversi corsi per diventare assaggiatore di vino.

 

Non solo degustazioni ma anche conoscere i territori, le differenze tra i vitigni, le tecniche di produzione, la storia di una cantina, tutto questo (e molto ancora) è necessario per riuscire a comprendere appieno. Approfondite anche su libri e siti dedicati cosicché al momento di scegliere – in enoteca oppure al ristorante, davanti alla carta del vino – possiate mostrare piena fiducia e non restare dubbiosi davanti a termini come terroir o tannico :)

 

Sarete ancora degli esperti di vino “in erba” ma avrete già fatto un grande passo in avanti. Ci vorrà molta dedizione per raggiungere il vostro obiettivo nel minor tempo possibile ma prima o poi tutto vi verrà più o meno naturale.

 

Per scoprire di più consultate anche i nostri consigli dell’esperto.

Chi ha detto che il vino rosso non…

Se l’idea del vino rosso destinato solo ai mesi freddi fosse un tabù da infrangere?…

leggi l'articolo

I Florio ne I leoni di Sicilia. Intervista…

Che romanzo è I Leoni di Sicilia? Lo abbiamo chiesto all’autrice Stefania Auci in occasione…

leggi l'articolo

Le 5 regole del pic-nic perfetto

Se una rondine non fa primavera, un pic-nic sì! La bella stagione si è fatta…

leggi l'articolo