Condividi

Cresce la passione per i Grandi Vini Rossi Siciliani: il Nero d’Avola

La Sicilia è patria di grandi rossi, vini di straordinaria personalità che hanno saputo interpretare in modo eccellente il terroir di origine e ogni anno ci regalano bottiglie prestigiose.

Se si parla di Grandi Rossi Siciliani, non si può non parlare di Nero d’Avola, che ha saputo meglio valorizzare le specificità del nostro territorio guadagnandosi il titolo di Principe dei vitigni siciliani.

Il Nero d’Avola è il vitigno autoctono più famoso e antico della Sicilia: si racconta infatti sia stato portato nell’Isola dai Greci, i quali individuarono nei terreni della Sicilia Orientale alcune caratteristiche particolarmente adatte ad ospitarlo.

Un’intuizione che si rivelò vincente, infatti questa divenne ben presto la zona per eccellenza vocata all’allevamento di queste uve.

Se la storia del “Nero d’Avola” ha ragioni antiche, il nome ha invece origini relativamente più recenti: il vitigno veniva infatti chiamato anticamente con il nome di Calabrese, che in dialetto significa Uva di Avola (calea-aulisi), a sottolineare lo stretto legame tra questo particolare vitigno e il territorio di origine, la città di Avola (SR), in particolare.

Ma cosa fa del Nero d’Avola il Principe dei vitigni siciliani e quali sono le sue caratteristiche principali?

Si tratta di un rosso massiccio, vellutato, profondo e ricco di profumi di macchia mediterranea, un vino che regala al palato emozioni importanti grazie al suo gusto caldo e al suo grande equilibrio.

Conoscendo l’importanza che riveste oggi, stupisce sapere che il Nero d’Avola è stato utilizzato per secoli esclusivamente come uva da taglio per aggiungere vigore ad altri vini e si deve al Duca Enrico la sua elevazione a status di Principe dei vitigni siciliani: realizzato per la prima volta nel 1984, questa Icona Duca di Salaparuta è infatti il primo Nero d’Avola prodotto in purezza in Sicilia, un primato che segna il punto di svolta nel riconoscimento della qualità e dell’eleganza del vitigno.

Se volete andare alle origini più profonde del Nero d’Avola ed esplorarne le sfumature più intense e originarie, Duca Enrico è il vino giusto per scoprirle.

Curiosi di sapere di più? Seguiteci in una degustazione verticale di Duca Enrico, in cui esploreremo 3 annate davvero speciali e da poco in commercio: 2015, 2016 e 2017.

 

Duca Enrico 2015

Durante la vendemmia 2015 il caldo intenso del mese di agosto ha accelerato la maturazione delle uve a bacca rossa come il Nero d’Avola, consentendo la raccolta di un frutto maturo e carico di colore.

Duca Enrico 2015 ne conserva bene il ricordo e, dopo aver trascorso almeno 18 mesi in piccoli fusti di quercia nobile e un periodo di affinamento in bottiglia, regala un color rosso rubino profondo, cupo e con riflessi granati appena accennati.

I sentori di marasca si uniscono alle note speziate di liquirizia e tabacco e, ammorbiditi dai profumi di viola e rosa appassita, si traducono al palato in un tannino vellutato.

 

Duca Enrico 2016

La vendemmia 2016 arriva solo a ottobre inoltrato, con un ritardo di quindici giorni rispetto alla media degli ultimi anni, a causa di un clima inusualmente freddo per questa zona della Sicilia. Le caratteristiche dell’annata conferiscono a Duca Enrico 2016 un tannino evidente ma anche vellutato ed elegante, con un palato rotondo e persistente e piacevoli profumi di ciliegia e piccoli frutti rossi, unite a sensazioni di vaniglia e sfumature di incenso ed eucalipto che si accentueranno nel tempo.

 

Duca Enrico 2017

L’annata 2017 segna una vendemmia unica, caratterizzata da precipitazioni scarse e temperature elevate che hanno favorito il Nero d’Avola, consentendogli di esprimere al meglio tutte le sue caratteristiche organolettiche più tipiche.

Duca Enrico 2017  si presenta al palato con una straordinaria profondità, con un attacco ricco di acidità e tannino, ma allo stesso tempo elegante e con una grande persistenza fruttata. Il profumo è quello di piccoli frutti rossi maturi, con note di vaniglia, frutta secca e tenui sentori balsamici. Duca Enrico 2017 è un vino perfetto da bere subito ma anche da conservare in cantina per scoprirne l’evoluzione e aprire in occasione di un momento speciale.

 

Vino unico al mondo, Duca Enrico assume in queste tre diverse annate sfumature e sensazioni specifiche, e regala grandi emozioni ai Wine Lover più esperti ed esigenti.

Se siete alla ricerca di un vino che ha fatto la storia dei Grandi Rossi Siciliani, non perdete l’occasione di vivere un alto momento enologico con una degustazione di Duca Enrico davvero esclusiva.

Duca Enrico, nelle sue annate 2015, 2016 e 2017 vi attende su Duca.Store!

I marsala Florio: gioielli di Sicilia

Protagonisti dell’enologia italiana nel mondo, i marsala Florio nascono per stupire. Con la loro incredibile…

leggi l'articolo

Cresce la passione per i Grandi Vini Rossi…

La Sicilia è patria di grandi rossi, vini di straordinaria personalità che hanno saputo interpretare…

leggi l'articolo

Assaggi d’estate con Glicine Bianco

Che si tratti di un aperitivo in riva al mare o di uno spuntino leggero…

leggi l'articolo