Condividi

Vino e Digital. Nuovi trend da tenere d’occhio

Il mondo del vino è in evoluzione per soddisfare  le esigenze di un target sempre più abituato alla tecnologia e alle innovazioni. Ci riferiamo naturalmente alla generazione dei Millenials, o Generazione Y, ossia la generazione dei nati tra gli anni ’80 e ’90.

Per rinnovarsi è importante guardare alle abitudini e allo stile di vita sempre più always on di questa generazione. Se questo vale per tutti i settori il mondo del Vino non fa eccezione.

Ecco dunque i trend in ascesa, con qualche esempio pratico di come quello tra Vino e Digital sia un abbinamento sempre più vincente.

Partiamo dal ruolo assunto negli ultimi anni dai social network: chi lo avrebbe mai detto che vini dalla tradizione centenaria si sarebbero messi in gioco con like, stories e hashtag? Se qualcuno  avesse detto a Duca Enrico che l’eccellenza del vino a lui dedicata sarebbe finita nella diretta Facebook di un influencer  probabilmente avrebbe riso per giorni, eppure è successo! Il settore del vino deve fare i conti con la recente tendenza della nostra società iperconnessa a condividere le proprie esperienze personali con il World Wide e non può rimanere in disparte a guardare.

Solo qualche mese fa sui social abbiamo assistito a esempi di instant marketing di aziende di ogni settore che si cimentavano con FaceApp, simulando invecchiamenti di vario tipo. Anche Duca di Salaparuta si è fatto avanti in quell’occasione, con un post che mostrava orgogliosamente una bottiglia di Aegusa 1964 che non ha bisogno di app per invecchiare bene!

La voglia di condividere le proprie esperienze sui social fa sì che il vino diventi sempre di più uno status symbol: non solo qualcosa da gustare in abbinamento alla giusta portata, ma qualcosa che parla di noi stessi. Ecco uno dei motivi per i quali, nel condividere la foto di un vino sui nostri social, vogliamo anche veicolare un messaggio che ci rappresenti. Ne consegue un’altra verità: della scelta di un vino l’utente vuole essere oggi pienamente consapevole.

Vogliamo sapere proprio tutto del vino che acquistiamo: da dove viene, come è stato prodotto, come viene imbottigliato… E non vogliamo saperlo e basta, vogliamo saperlo in tempi rapidi, possibilmente in simultanea con l’acquisto!  A partire da questa idea sono state create diverse app per aiutare i consumatori a leggere le etichette. Un esempio? Wine Label, un app che amplifica la capacità comunicativa di un’etichetta grazie alla Realtà Aumentata. Il progetto di Wine Label, tutto Made in Italy, permette ai wine lovers più curiosi di approfondire la conoscenza di un vino solo inquadrandone l’etichetta.

Se app e social network aiutano gli utenti ad approfondire la conoscenza di un vino o a condividere le proprie esperienze in real time, questa stessa rapidità sta alla base di nuove crescenti abitudini di acquisto: l’e-shopping  in primis.

Un target ormai abituato a piattaforme di E-commerce come Amazon o E-Bay pretende oggi di acquistare on line anche il vino. Esistono oggi  molte piattaforme per la vendita di  vino on line, ma non sono ancora molte le Aziende che si propongono sul mercato con piattaforme di vendita proprie. Anche su questo Duca di Salaparuta ha voluto fare un passo in avanti, proponendo con il suo Duca.Store un canale di vendita diretto dei suoi prodotti per un target sempre più smaliziato e digitalmente alfabetizzato.

L’innovazione e la tecnologia non vanno però solo nella direzione di una migliore esperienza di acquisto o di reperimento delle informazioni, ma si prestano anche a un miglioramento del sistema produttivo e della qualità del prodotto. La tecnologia viene per esempio utilizzata per analisi approfondite dello stato di salute del terreno e della vigna e ne è un esempio Multiplex, una pistola fluorimetrica che registra segnali ottici specifici sulla vigna, consentendo la raccolta di un grande quantità di dati sulla pianta e sull’uva.

Innovazione e tecnologia al servizio dell’analisi del frutto e del prodotto nelle varie fasi di lavorazione, ma anche dell’eno-turismo. Ed ecco quindi nuove app che raccontano i territori del vino con spettacolari immagini 3D che vi faranno visitare vigneti e tenute comodamente dal display di uno smartphone. Le cartine digitali enogea,  con cui potrete visitare i territori delle vigne italiane (non ancora quelle siciliane, purtroppo!) ne sono un esempio eccellente.

Se è vero che il Vino affonda le radici nella Tradizione è innegabile uno sguardo aperto sul Futuro!

 

 

 

Donna Franca, Duca Enrico e Bianca di Valguarnera.…

Ci sono vini che non dovrebbero mai mancare nelle cantine di un vero Wine Lover.…

leggi l'articolo

Vuoi andare su Marte? Bevi vino rosso!

Avresti mai immaginato che il vino rosso potesse portarti su Marte? Secondo la ricerca della…

leggi l'articolo

Vino e Digital. Nuovi trend da tenere d’occhio

Il mondo del vino è in evoluzione per soddisfare  le esigenze di un target sempre…

leggi l'articolo