Condividi

Degustazione alla cieca o “blind tasting”: in cosa consiste?

Vi è mai capitato di degustare un vino senza saperne nulla di esso? Quello che per voi è stato un indovinello giocoso è in realtà ‘blind tasting’, un vero e proprio mito per wine lovers.

 

Cotanta teorizzazione nel tempo è stata seguita da grande fiducia da parte degli estimatori del vino che ne hanno sottolineato il valore nella valutazione della bevanda. Infatti, questa singolare esperienza si basa sulla mancata conoscenza delle principali caratteristiche quali la tipologia e il produttore di vino. Solo un bicchiere da sorseggiare sarà lo strumento per carpire la qualità di ciò che stiamo bevendo. Questo predispone alla totale assenza di pregiudizio: infatti, il cervello attiva una parte generalmente dormiente quando assaggiamo un vino che conosciamo, mettendo di fatto a riposo ben altre potenzialità.

 

Naturalmente, e in base agli obiettivi del nostro assaggio, si può optare per una meno sorprendente degustazione scoperta in cui tutte le caratteristiche – modalità di produzione, origine, produttore e le pratiche enologiche – sono note e la valutazione può diventare ‘condivisa’ se sarà concesso anche il confronto con altri partecipanti.

 

Di certo, per esperti di vino o semplici estimatori la vera sfida è la degustazione alla cieca che può diventare un’idea originale anche per un momento di autentica convivialità. L’importante è rispettare alcune semplici regole:

 

– Designare una persona preposta all’organizzazione generale che sappia tutto del vino e sia disponibile a celarne le caratteristiche a tutti gli altri.

 

– Coprire adeguatamente le bottiglie o evitarne addirittura la comparsa sulla tavola, limitandosi alla presentazione del calice già pieno.

 

– Frenare i giudizi pubblici per non influenzare i propri compagni di degustazione compromettendo così l’esito della sfida.

 

Siete pronti a intraprendere con i vostri amici una sessione di degustazione alla cieca? Stabilire la severità della competizione spetta a voi: gusto e divertimento sono assicurati e, se siete particolarmente abili, l’affinamento delle vostre papille gustative anche!

Guida alla degustazione del marsala

Osannato e conosciuto da tutti come grande vino da dessert, il Marsala Florio è prodotto…

leggi l'articolo

8 metodi infallibili per riuscire a farla franca…

Una delle sfide più grandi in un rapporto di coppia è la gestione dei litigi…

leggi l'articolo

Il Decanter… a cosa serve?

Dopo aver scoperto cosa fare per conservare al meglio i nostri vini più preziosi e…

leggi l'articolo