Condividi

I poster Florio: la storia dell’azienda in immagini

Florio vanta centottanta anni e più di storia vissuti con un unico inconfondibile filo conduttore: il vino pregiatoMarsala e non solo a partire dall’intuizione maturata da Vincenzo Florio nell’omonima cittadina siciliana che ha dato un’impronta tutta italiana al consumo di questo vino, perfetto dopo il dessert e per i più audaci protagonista di aperitivi moderni e inaspettati.

 

Questa orgogliosa appartenenza a territorio e tradizione è stata raccontata nel tempo anche attraverso immagini iconiche al centro dei poster Florio. Ripercorriamo insieme la loro storia, scoprendone caratteristiche, autori e curiosità.

 

Il Folletto

 

Esuberante e maliziosa, la donna creata da Jean D’Ylen è protagonista di uno dei manifesti Florio più collezionati di sempre.

 

Donna in fiore

 

Marcello Dudovich, eccellenza italiana nella realizzazione di manifesti pubblicitari, ha ideato questa grafica luminosa e raffinata.

 

Arlecchino

 

È ancora Marcello Dudovich nel 1915 a creare il poster con al centro la maschera tradizionale italiana: il risultato è un trionfo di gioia e di colore.

 

Donna con calice

 

La figura femminile rappresenta ancora una volta il piacere di degustare il Marsala Florio: dolcezza e sensualità si mischiano dando vita a un’illustrazione di rara raffinatezza.

 

Danzatrici

 

Leonetto Cappiello ha pensato a tre gioiose ballerine per rappresentare lo spirito più vitale di Florio e l’illustrazione è stata utilizzata anche come etichetta dello Spumante Dolce Florio.

 

Leo bibens

 

Marcello Nizzoli ha utilizzato l’animale simbolo dell’azienda per creare una grafica leggendaria. L’animale malato beve per riprendersi quella che fu spacciata per bevanda fortificante così da aggirare la censura proibizionista americana.

 

Pagliaccio

 

Essenzialità dei tratti e raffinatezza nell’esecuzione contraddistinguono la replicatissima illustrazione realizzata nel 1921 dal francese Achille Mauzan.

 

Uomo forzuto

 

“Ristora, rinfranca, rinforza”: così l’identità del Marsala Florio viene sintetizzata nel manifesto realizzato da Plinio Codognato, pubblicitario della Fiat.

 

Zebra

 

Leonetto Cappiello torna a rappresentare Florio: la bottiglia è armonicamente fusa insieme a due figure di zebre, una delle quali è a tinte rosse.

 

Donna con bottiglia

 

Tradizionale e rassicurante è il poster con una splendida figura femminile intenta a mostrare un vino Florio.

 

Donna con leone

 

Nell’illustrazione dell’artista vicino al Futurismo, Marcello Nizzoli, ritroviamo tre elementi ricorrenti cari a Florio: la donna, il leone e il calice di vino.

 

Targa Florio

 

 

Per promuovere la mitica Targa Florio – la prima gara automobilistica in Sicilia – nata per volontà e passione dal genio di Vincenzo Florio, sono stati coinvolti egregi artisti dell’illustrazione.

 

Etichetta storica

 

Il vino – calice e bottiglia – è al centro della grafica pensata per l’etichetta storica del marchio, ormai riconoscibile in tutto il mondo.   

 

Quale tra questi è il vostro poster Florio preferito? Diteci la vostra!

Chi ha detto che il vino rosso non…

Se l’idea del vino rosso destinato solo ai mesi freddi fosse un tabù da infrangere?…

leggi l'articolo

I Florio ne I leoni di Sicilia. Intervista…

Che romanzo è I Leoni di Sicilia? Lo abbiamo chiesto all’autrice Stefania Auci in occasione…

leggi l'articolo

Le 5 regole del pic-nic perfetto

Se una rondine non fa primavera, un pic-nic sì! La bella stagione si è fatta…

leggi l'articolo