Condividi

Perché le bottiglie di vino non sono tutte uguali?

“C’è più filosofia in una bottiglia di vino che in tutti i libri” diceva Louis Pasteur, e come dargli torto? Una bottiglia non è solo un mero contenitore e ad ognuna di esse può corrispondere un vino specifico!

 

A dare inizio alla conservazione del vino in bottiglia furono i francesi che, nel XVIII secolo, produssero le prime bottiglie in vetro soffiato. Ad oggi esistono numerose tipologie di bottiglie che si differenziano per formacolore e dimensione.

 

A livello commerciale la bottiglia di vino più utilizzata è la “Bordolese” e il formato medio delle bottiglie ha una capacità di sette decimi (0,750 L). Ma esistono anche bottiglie di capacità superiore, dalla più conosciuta “Magnum” (un litro e mezzo), fino ad arrivare ai 30 L di capienza del formato “Melchizédec”.

 

Il colore delle bottiglie varia, invece, dal verde scuro al marrone e la sua scelta è tutt’altro che casuale: il vetro della bottiglia, infatti, serve a proteggere dalla luce il vino contenuto al suo interno, facendo quindi da filtro per evitare l’attivazione di trasformazioni chimiche – come ad esempio il processo di ossidazione – che potrebbero mutare il vino alterandone colore e gusto.

 

Vediamo allora quali sono le principali bottiglie utilizzate e le loro caratteristiche:

 

– Bordolese. Ha origine nella zona di Bordeaux in Francia, dove veniva utilizzata principalmente per i vini rossi da invecchiamento. Oggi è la bottiglia di vetro più usata nella sua versione verde scuro per i vini rossi e con vetro verde chiaro o trasparente per i vini bianchi.

– Alsaziana. Originaria della regione francese dell’Alsazia, è la bottiglia più utilizzata per la conservazione dei vini bianchi ed è caratterizzata da una forma allungata e affusolata. Nella sua versione più slanciata è chiamata “Renana” in quanto originaria dall’area vinicola del Reno, in Germania.

– Marsalese. Come il nome stesso suggerisce, questa bottiglia viene utilizzata per la conservazione del marsala o, in generale dei vini liquorosi. Originaria del territorio siciliano, è in genere prodotta con vetro scuro. La sua caratteristica forma la contraddistingue dalle altre bottiglie grazie al collo più largo nella parte centrale e alla spalla molto marcata.

– Borgognotta. Anch’essa ha origini francesi e presenta una forma simile alla Bordolese, ma con spalla e fianchi che partono più in basso. È in genere utilizzata per vini rossi provenienti dall’area vinicola della Borgogna, anche se in passato veniva utilizzata ugualmente per i vini bianchi.

– Champagnotta. Tipicamente utilizzata per l’imbottigliamento di spumanti e champagne, è di solito prodotta con vetro spesso e base larga per contenere (e sostenere) la pressione prodotta delle bollicine. Anche la champagnotta è di origine francese e, nella sua versione “Cuvée”, presenta una base ancora più larga e il collo molto lungo.

– Porto. Originaria del Portogallo, questa bottiglia bassa e leggermente tozza è principalmente utilizzata per l’imbottigliamento di vini liquorosi, come ad esempio il Porto. Viene in genere prodotta con vetri scuri, verdi o marroni, e presenta un fondo poco concavo.

 

 Queste sono solo alcune delle bottiglie da vino più utilizzate! Esistono tante altre sorprendenti curiosità che (forse) non conoscevate, se volete scoprirle cliccate qui.

Le 3 migliori idee per un perfetto pic-nic…

La primavera esplode con tutti i suoi colori e cresce la voglia di stare all’aria…

leggi l'articolo

Lavico Etna DOC: dalle terre vulcaniche due vini…

Un territorio formato da lapilli, ceneri e sabbia. È la terra scura in cui affondano…

leggi l'articolo

Florio e le origini inglesi del Marsala

Il mondo del vino è ricco di storie interessanti e quella del Marsala ne è…

leggi l'articolo