Condividi

Pranzo di Natale: meglio abbondare?

Ogni anno per ogni persona rimangono sulle nostre tavole circa 2 kg di cibo.
Per questo Natale vi consigliamo di ridurre il numero delle portate e di puntare sulla qualità di ogni piatto. E se proprio non si resiste agli acquisti compulsivi al supermercato, allora ci sono tanti modi per riutilizzare il cibo avanzato in modo creativo e sempre super gustoso.

Ogni anno per ogni persona rimangono sulle nostre tavole circa 2 kg di cibo.

Eppure rinunciare a  fare  acquisti massicci durante le  feste sembra essere molto difficile.

Per il  pranzo di Natale ci sono due categorie di persone: quelli che “non è Natale senza almeno 10 portate” e quelli che “Less is more”. Voi a quale appartenete?

In genere noi italiani apparteniamo al primo gruppo… Rinunciare ai pranzi in famiglia o con amici è praticamente impossibile e la gioia di condividere questo momento conviviale spinge ad esagerare con gli acquisti. Quella del consumo consapevole è però una strada da valutare ed è quella che vorremmo suggerirvi.

Per questo Natale vi consigliamo di ridurre il numero delle portate e di puntare sulla qualità di ogni piatto. E se proprio non si resiste agli acquisti compulsivi al supermercato, allora ci sono tanti modi per riutilizzare il cibo avanzato in modo creativo e sempre super gustoso.

Ecco ad esempio una ricetta semplice, veloce e stuzzicante per riutilizzare le patate lesse e i salumi avanzati dal giorno prima: la sbriciolata di patate.

Ecco la ricetta per circa 600 g di patate. Gli ingredienti sono:

  • 250 gr di farina
  • 600 g di patate
  • 1 uovo
  • Parmigiano q. b.
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • Salumi e formaggi avanzati

Schiacciate le patate e a queste unite l’uovo, il parmigiano, la farina, il sale e il lievito per formare l’impasto. Imburrate la teglia. Dividete l’impasto in due e una parte usatela per la base, da coprire con i salumi e i formaggi che volete (meglio ancora se mediamente stagionati). L’altra metà dell’impasto usatela come copertura cercando di non creare una cappa uniforme ma più irregolare. Infornate per 40 minuti a 180°.

Per valorizzare ulteriormente questa ricetta ci vuole però l’abbinamento giusto: Irmàna Nero d’Avola e Frappato, un rosso pieno ed equilibrato, da uve raccolte a mano nel rispetto dell’ambiente, capace di esaltare i gusti più delicati.

Imparare a valorizzare i cibi già cucinati potrebbe essere davvero la chiave di volta per passare ad un Natale all’insegna del riutilizzo e del risparmio. E allora usate tutta la vostra fantasia per reinventare e abbinare: il risultato potrebbe essere davvero sorprendente.

 

 

Le Cantine Florio e le Cantine Duca di…

Ottobre 2019 – Anche nel 2019 sempre più persone scelgono di vivere le proprie vacanze…

leggi l'articolo

Vuoi andare su Marte? Bevi vino rosso!

Avresti mai immaginato che il vino rosso potesse portarti su Marte? Secondo la ricerca della…

leggi l'articolo

Visita alle Cantine Duca di Salaparuta di Casteldaccia

L’estate in Sicilia non è ancora finita ed è ancora tempo per una visita alle…

leggi l'articolo