Condividi

Vino & Frutta: abbinamento impossibile?

Raro se non ardito, l’abbinamento Vino & Frutta è certamente uno degli accostamenti più temuti e meno sperimentati. I motivi di questo limitato successo sono intuibili: molti frutti – gli agrumi in primis – non sono particolarmente piacevoli in accompagnamento al vino, ma anche il momento del pasto in cui essi vengono consumati trova gli eventuali degustatori a pancia già piena.

 

Tuttavia, qualche volta vino e frutta insieme possono regalare una gradevole esperienza al palato: l’importante è esaltare i binomi compatibili ed evitare quelli disastrosi in partenza. Di certo, la dolcezza della frutta non deve essere osteggiata ma alimentata: spazio dunque ai vini dolci e leggeri!

 

In primo luogo, occorre non adottare i medesimi criteri di valutazione per tutta la frutta fresca. Per esempio, mele, pere, pesche e albicocche a causa della maggiore durezza stimolano una maggiore salivazione e per questo si accompagnano meglio ai bianchi aromatici, morbidi e dalla gradazione alcolica bassa. Diversa è la valutazione da fare a proposito della frutta esotica – melone, avocado, mango – che ha un sapore più deciso e può dunque sostenere sia dei rosati che dei rossi liquorosi.

 

E può rivelarsi interessante anche l’accostamento tra vino e frutta secca come mandorle, nocciole e noci. Queste ultime potranno essere accompagnate ai vini dolci che già ne ricalcano gli aromi come bianchi più strutturati, rossi corposi e soprattutto con il marsala, già eccellente per i dessert. Riflessioni a parte meritano, invece, le castagne, prodotto autunnale per eccellenza, che può sostenere vini rossi corposi grazie alla consistenza quasi farinacea. Di contro, la frutta essiccatacome datteri, fichi o albicocche troverà la sua valorizzazione con il vino dolce per eccellenza: il passito.

 

Ma la frutta, si sa, può tornare sulle nostre tavole in altre intriganti forme che meritano appunto degli accostamenti ad hoc. Si pensi alle macedonie spesso immerse in vini liquorosi o ai dessert con creme o gelati che a seconda del grado di acidità potranno sposarsi bene a bianchi aromatizzati, passiti leggeri o addirittura bollicine ghiacciate.

 

Ultime ma non meno importanti da ricordare sono, infine, le tradizionali accoppiate frutta e vino, che seppur non propriamente per palati da sommelier costituiscono un piacere tradizionale per molti. Un esempio su tutti è la Sangria, creazione tutta spagnola in cui il vino rosso diventa il luogo in cui far ‘naufragare’ tanta deliziosa frutta estiva.

 

E voi, per quale abbinamento Vino & Frutta opterete?

Duca e il tour in Giappone

Siamo appena rientrati da un viaggio nel meraviglioso Paese del Sol Levante, un tour nei…

leggi l'articolo

Arrosto dal cuore di prugne + Corvo Rosso

Con la Pasqua in arrivo siamo tutti in cerca di idee per il menù delle…

leggi l'articolo

Làvico 2014. Recensione del sommelier Marco Salvatori

Marco Salvatori, sommelier. Potrete leggere le sue recensioni dei vini sul suo account Instagram blogger_divino e da…

leggi l'articolo