Duca Enrico Nero d’Avola bottiglia

Duca Enrico, Il Nero d'Avola della Duca

La nascita di questo Nero d'Avola, la cui prima vendemmia risale al 1984, ha rappresentato, per l'enologia, un vero e proprio punto di svolta. All'inizio degli anni '80, la Duca di Salaparuta maturato il proposito di studiare un nuovo prodotto, capace di raggiungere le più alte espressioni qualitative, decise di investire in ricerca e sperimentazione per individuare le zone ed i sistemi di coltivazione di viti e vitigni, e per sviluppare e affinare metodi di vinificazione che potessero condurre la Casa Vinicola al traguardo prefissato. Fu allora subito evidente che i migliori risultati venivano espressi dalle potenzialità del Nero d'Avola, principe di vini e vitigni siciliani, coltivato nella tradizionale forma ad alberello, in un territorio particolare: la piana di Gela.
Da allora ad oggi, Duca Enrico è diventato espressione di un selezionatissimo Nero d'Avola, ottenuto dai migliori e tradizionali vigneti coltivati ad alberello e vinificato con tradizionale macerazione. Le terre argillose e fertili dell'entroterra del golfo di Gela ben si prestano a fare del Duca Enrico uno dei più nobili vini siciliani. La fertilità e la qualità della terra favoriscono la coltivazione di uve a bacca nera, offrendo, insieme al clima, particolarmente mite in inverno e asciutto in estate, condizioni ideali perchè il Nero d'Avola Duca Enrico possa esprimersi al meglio.
La vendemmia di questo Nero d'Avola è manuale a perfetta maturazione (fine Settembre).

Un connubio inscindibile: Duca Enrico e Nero d'Avola

Il migliore Nero d'Avola proviene, esclusivamente, da forme di coltivazione ad alberello, disciplinato da regolari potature, a regime produttivo unitario ridotto sino alla "sconvenienza". I vigneti sono coltivati nella piana che, dal sud-est di Gela dolcemente sale verso Niscemi, in determinate aree a carattere pedologico appositamente scelte nella Sicilia Sud-orientale, ove il clima è particolarmente siccitoso e caldo.

Queste sono le zone a più alto potenziale per i rossi di struttura, per via dei loro terreni fortemente calcarei. Le viti più nobili, nei vigneti vocati al Duca Enrico, hanno la caratteristica forma ad alberello, che esalta le peculiarità del vitigno.
Con la raccolta manuale le uve vengono accuratamente cernite, quindi pigiate e fermentate con macerazione a contatto delle bucce per circa 8 giorni. Dopo la fermentazione malolattica l'evoluzione del Nero d'Avola Duca Enrico prosegue per circa 18 mesi, in fusti di quercia all'interno dei quali acquista complessità, stile e longevità. L'affinamento in vetro per almeno un anno ne completa poi, le doti organolettiche, esaltandone il caratteristico bouquet.

Nero D'avola: il principe dei vitigni di Sicilia

Oggi è indubbiamente uno dei vitigni autoctoni più importanti della Sicilia. Il Nero d'Avola è, in maniera indiscussa, il vitigno che meglio rappresenta la Sicilia nel mondo, vettore della tradizione vitivinicola siciliana, dei suoi profumi, dei suoi colori.
Il Nero d'Avola è un uva difficile, che richiede particolare cura sia in vigna, sia in cantina, ma che è in grado di dare vini di elevato tenore alcolico. Proprio per questa loro caratteristica, i vini prodotti con uve Nero d'Avola, furono, alla fine dell'ottocento, fra i più ricercati dai grandi commercianti di vino francesi.

Oggi la situazione è completamente cambiata: infatti, il Nero d'Avola viene venduto sempre meno, come vino da taglio, mentre viene vinificato, sempre più spesso, sul posto, e bevuto in purezza o combinato con Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah.

Il Nero d'Avola, noto anche con il sinonimo di Calabrese, (versione italianizzata del termine Calavrisi), significherebbe, secondo alcuni studiosi del settore, Cala di Avola, ovvero, uva venuta da Avola. Infatti, il termine Calavrisi deriverebbe da "kaleu aulisi", ove Kaleu significa uva e aulisi Avola. In ogni caso il vitigno non ha nulla a che vedere con la Calabria, dove il vitigno è praticamente assente. Il Nero d'Avola è invece coltivato da centinaia di anni in Sicilia, dove venne impiantato probabilmente dai Greci, originariamente nel siracusano.
Il Nero d'Avola è oggi praticamente diffuso in tutta la regione: sono circa 15.000 gli ettari di vigneti destinati esclusivamente a questo grande vitigno siciliano, che rappresenta la colonna portante dei vini rossi siciliani. Rilanciato più di venti anni fa, quando l'azienda vinicola Duca di Salaparuta ha iniziato a fare le prime sperimentazioni con queste uve, il primo vero grande prodotto a base di Nero d'Avola risale al 1984, con la produzione, appunto, del Duca Enrico, vero progenitore dei moderni Nero d'Avola.

Degustazione del Duca Enrico

Nero d’Avola di colore rosso rubino con riflessi granato, il Duca Enrico ha un profumo complesso di piccoli frutti maturi, iris e spezie, ed il gusto possente, austero e lungamente persistente che lo rendono ideale per accompagnare i piatti importanti: gli arrosti, le carni alla griglia, la selvaggina ed i formaggi.
Il sapore di questo Nero d’Avola, rotondo, di buona struttura e personalità produce una sensazione di legno, nell'insieme ben armonizzata e persistente. Si consiglia di servirlo a temperatura di circa 18°C, in calice molto ampio a stelo lungo.

Affinamento del Duca Enrico

12 mesi in bottiglia a temperatura controllata completano le doti organolettiche ed esaltano il caratteristico bouquet.

Riconoscimenti del Duca Enrico

Nell'ottobre del 2004 il Nero d'Avola della Duca è stato premiato dalla giuria di Gambero Rosso e Slow Food con l'ambito premio dei Tre Bicchieri.
La vendemmia 2001 del Duca Enrico conferma così, ancora una volta, il suo altissimo livello qualitativo, apprezzato dal pubblico degli estimatori e dei tecnici fin dalla sua prima vendemmia, nel 1984. Questo vino siciliano ha segnato, infatti, una svolta decisiva nel mondo enologico italiano, essendo stato il primo Nero d'Avola in purezza della storia vinicola del Paese.

Duca Enrico Nero d'Avola etichetta
Vai alla scheda completa del Duca Enrico
Duca di Salaparuta S.p.A
P.I 01432970810
Altre etichette Duca di Salaparuta
Altre etichette Vini Corvo