Condividi

Come realizzare una cantina in casa

Creare una cantina in casa è il grande sogno di ogni vero eno-appassionato. Una riserva personale di vini, infatti, permetterebbe ai wine lovers di poter disporre in qualsiasi momento delle bottiglie che amano o che vogliono scoprire, rendendo la degustazione un momento davvero speciale. Ma come realizzare un simile desiderio? Con i nostri consigli, proveremo ad aiutarvi in questa impresa non facile, ma in grado di regalare grandi soddisfazioni!

 

Ambiente

Deve essere fresco e umido e non deve superare i 15°C (meglio tra 10° e 14°) e 70% di umidità relativa. Questi accorgimenti evitano che il tappo di sughero si secchi, facendo passare in tal modo troppo ossigeno dal collo del tappo. E sempre per evitare un eccessivo passaggio di aria, le bottiglie vanno coricate così da mantenere il tappo umido. La parte della vostra abitazione destinata alla conservazione del vino deve essere buia, in quanto la luce può dar vita ad effetti riduttivi nel liquido. Il tocco di classe consiste infine nell’assicurarsi un ambiente silenzioso e ricco di profumi particolari. Il silenzio si adatta perfettamente ai momenti riservati alla meditazione, durante i quali centellinare un vino aiuta a riflettere meglio. I profumi, invece, devono contribuire a creare un luogo unico: perché non conservare anche una botticella di marsala o dei salumi nella vostra cantina? Ma ricordatevi: mai avere nella stessa stanza vino e formaggi in quanto l’odore deciso di questi ultimi potrebbe deviare gli aromi del vino nel corso della degustazione. Infine, per vivere al meglio l’esperienza, vi consigliamo di scegliere una luce calda, capace di creare la giusta atmosfera.

 

Strumenti

La degustazione ha bisogno di “attrezzi speciali” che facilitano l’esame del vino. Il cavatappi ad estrazione è lo strumento adatto ad aprire le bottiglie che hanno ormai qualche anno alle spalle, poiché impedisce al tappo, in molti casi difficile da togliere, di rompersi. Non possono mancare il decanter, il colino, per filtrare il materiale che si è sedimentato sul fondo e i residui di tappo, e le garze per pulire il collo.

 

Approvvigionamento

Potete custodire vini “di pronta beva” o longevi, regionali o internazionali. Avere 3 o 4 bottiglie aiuta ad esercitare le vostre doti da wine lover, così da rendervi capaci di valutare l’importanza nel tempo del prodotto e da offrirvi la possibilità di scegliere il momento migliore per bere il giusto calice. Il vantaggio di realizzare una cantina in casa, infatti, è quello di poter giudicare l’evoluzione dei vini, poiché è possibile assaggiarli e capire se è il caso di lasciarli riposare ancora un po’ per farli migliorare oppure se è ora di bere anche le altre bottiglie della stessa annata. Ma quali prodotti scegliere? Nella vostra cantina non possono mancare le nostre Riserve Storiche, disponibili anche sull’Ecommerce duca.store. Annate preziose di vini come Duca Enrico, il Nero d’Avola in purezza prodotto per la prima volta nel 1984 e poi solo nelle vendemmie migliori, le Riserve Aegusa, l’annata più pregiata di marsala di ogni decennio, e le Riserve Storiche Florio, che nel tempo sono state donate a personalità di spicco in campo religioso, politico e sociale, renderanno unica la vostra collezione. E se volete arricchire l’assortimento con un prodotto internazionale come lo champagne, vi suggeriamo la Noble Cuvée Brut 2002 Lanson, che con il suo color oro brillante reso vivace da un perlage fine saprà regalarvi momenti indimenticabili. Wine lovers, cosa aspettare a degustare i vini migliori comodamente a casa?

Guida alla degustazione del marsala

Osannato e conosciuto da tutti come grande vino da dessert, il Marsala Florio è prodotto…

leggi l'articolo

8 metodi infallibili per riuscire a farla franca…

Una delle sfide più grandi in un rapporto di coppia è la gestione dei litigi…

leggi l'articolo

Il Decanter… a cosa serve?

Dopo aver scoperto cosa fare per conservare al meglio i nostri vini più preziosi e…

leggi l'articolo