Condividi

La successione dei vini in degustazione a tavola

Qual è la successione dei vini più corretta? La scelta del vino da degustare a tavola dipende dalla pietanza alla quale lo si vuole accompagnare. In un pranzo / cena con più portate quindi, la selezione di più vini dev’essere correlata alla sequenza delle pietanze proposte.

Il perfetto abbinamento vino-cibo dev’essere armonico al palato, un giusto equilibro nel quale il vino esalta i sapori del cibo. Il cibo, a sua volta, non deve mai prevalere sul vino con aromi troppo accentuati.

In generale è meglio cominciare abbinando vini di struttura e aromi meno complessi a cibi con altrettante caratteristiche, per poi aumentare gradualmente la complessità di vino / cibo in abbinamento. Quindi, cominciare da piatti semplici con vini leggeri e giovani per poi finire con l’abbinare vini di grande struttura a pietanze più complesse.

Anche se la sequenza dei vini a tavola dipende da diversi fattori – con tutte le eccezioni del caso – esistono alcune regole generali che potete tenere a mente:

 

– i vini a bassa gradazione alcolica vanno degustati prima di quelli con gradazione alcolica più alta

– i vini bianchi vanno degustati prima dei vini rosati e dei rossi

– i vini giovani anticipano la degustazione dei vini più vecchi e d’annata

– i vini secchi precedono la degustazione dei vini liquorosi e dolci

 

Queste considerazioni, in linea di massima, sono la consuetudine. Se però volete provare qualcosa di interessante (e fuori dal comune) potete anche “trasgredire” e – ad esempio – rendere il marsala, servito freddo, protagonista di un sorprendente aperitivo dal gusto moderno e inaspettato.

Ma allora, quanti vini degustare a tavola? In realtà ciò dipende dall’importanza del pasto. Due vini potranno andare bene per un pranzo (o una cena) frugale mentre, per pasti che prevedono diverse portate – compreso il dessert – potrete degustare anche tre / quattro vini diversi.

Per quanto riguarda la loro temperatura di servizio, sempre meglio cominciare con i vini più freddi per poi servire i vini da degustare a temperatura ambiente. Ricordatevi che per apprezzare appieno le caratteristiche di ogni singolo vino, la selezione del bicchiere più adatto è fondamentale.

Volete essere sicuri di scegliere sempre il vino giusto per ogni occasione? Cliccate qui e scopritelo con il nostro Wine Browser.

Grillo: il vitigno del marsala

Vitigno autoctono siciliano, il Grillo è oggi una varietà che da qualche anno richiama l’attenzione…

leggi l'articolo

La vendemmia al cinema: 3 film da degustare

Una lunga liason, quella tra vino e cinema, che ci ha regalato pellicole indimenticabili come…

leggi l'articolo

Un’estate sorprendente con Florio

L’estate, con la voglia di stare in compagnia che porta con sé, è la stagione…

leggi l'articolo