Condividi

Wine Enthusiast, Duca Enrico 2010 è tra le Top 100 Cellar Selections 2016

Wine Enthusiast, testata di riferimento non solo per il ristretto Club dei super esperti ma anche per il vastissimo pubblico dei Wine Lover, premia Duca Enrico 2010 con un punteggio di 94 e lo include tra le Top 100 Cellar Selections 2016Il Nero d’Avola per eccellenza, che da oltre 30 anni conquista con il suo animo rivoluzionario e il suo grande carisma, ancora una volta è quindi indicato come sinonimo di qualità e del know how Made in Italy nel panorama enologico mondiale. Duca Enrico, prodotto per la prima volta nel 1984, nasce solo da alcune selezionatissime vigne della Tenuta di Suor Marchesa, ed è un vino dal fascino aristocratico e dallo stile inconfondibile. Prodotto esclusivamente nelle annate migliori, Duca Enrico riposa nella tranquillità delle Cantine Duca di Salaparuta, continuando la propria evoluzione come ogni grande vino nato per essere longevo. Grazie alla sua personalità inconfondibile e alla sua grande struttura, che si sviluppa durante gli anni di maturazione e affinamento, Duca Enrico 2010, secondo Wine Enthusiast, è uno dei 100 vini di tutto il mondo da avere assolutamente nella propria Cantina! Un grande prodotto dunque che, pur avendo fatto la storia dell’enologia italiana e internazionale, ha la modernità nel proprio DNA e che si conferma un’esperienza degustativa davvero imprescindibile. Temperatura di servizio: 16° – 18° C. Vitigno: Nero d’Avola Conservazione: Bottiglia coricata in ambiente molto fresco (13° – 15° C.) e non eccessivamente umido.

Benvenuta Vendemmia: Duca di Salaparuta apre per la…

Alle pendici dell’Etna, in un territorio dalle caratteristiche uniche, domenica 27 settembre, Duca di Salaparuta…

leggi l'articolo

Barbara Tamburini entra a far parte del nuovo…

La vendemmia 2020 per il Gruppo Duca di Salaparuta S.p.A. si apre con una collaborazione…

leggi l'articolo

Sicilia on the road. Le 5 tappe per…

Non è un caso se è la meta preferita dagli italiani nell'estate 2020: la Sicilia…

leggi l'articolo